Strategie di marketing sbagliate: ecco il problema di tanti Liberi Professionisti

Molti liberi professionistrategie-di-marketingsti non hanno strategie di marketing, o ne seguono di sbagliate.

 

Vediamo qualche esempio.

Marco è un commercialista. 

In un momento di crisi come questo il suo fatturato è in calo.

Anche perché ogni qualche mese, purtroppo, perde un cliente: un’azienda che seguiva chiude, un cliente passa da un altro commercialista perché gli ha offerto un prezzo migliore, e così via.

Marco, quindi, ha bisogno di trovare nuovi clienti.

Che strategie di marketing mette in pratica, Marco?

Nessuna.

Non fa nulla.

Spera che i nuovi clienti arrivino cosi’, dal cielo.

Laura è una designer. Anche lei vuole trovare nuovi clienti, e quindi cerca di fare qualcosa per farsi conoscere.

Un suo amico le ha suggerito di farsi fare un sito. E Laura ha accettato il suggerimento e fatto realizzare un bel sito.

Ma il sito è li’, immobile, ormai da anni, e non ha mai portato nessun nuovo cliente a Laura.

Strategie di marketing? Laura non sa bene cosa voglia dire.

Lorenzo è un’istruttore di golf. 

E’ giovane e bravo con internet, quindi oltre al sito ha creato pure una pagina Facebook, su cui ogni tanto posta qualcosa relativo al suo lavoro. In più, ha comprato un piccolo spazio pubblicitario su una rivista di golf per cercare di attirare clienti.

Ma tutti i suoi sforzi, finora, non gli hanno portato risultati.

Ti trovi anche tu in una situazione simile?

Se sì, sei in ottima compagnia.

(ehi facciamo una pausa, qui: se ti interessano questi temi, puoi scaricare gratis l’ebook “Marketing per Liberi professionisti” ed iscriverti alla newsletter gratuita di MLP, cosi’ non perderai nemmeno un consiglio di marketing!)

Per la maggior parte dei Liberi Professionisti, infatti, è difficile trovare nuovi clienti.

Perché fanno come Marco: non sanno che significa fare marketing, o non ci credono, o hanno paura di non essere capaci.

Oppure come Laura: fanno qualcosa definibile come attività di marketing (nel caso di Laura, un sito).  Ma non hanno strategie di marketing alle spalle – cioè non decidono a che gruppi di clienti rivolgersi e non danno ai loro clienti potenziali un motivo per essere scelti.

O ancora, fanno come Lorenzo:  si impegnano in attività di marketing. Ed investono pure soldi, in questo (per Lorenzo, la pubblicità acquistata). Ma le attività di marketing che fanno non sono collegate e coordinate l’una all’altra. Non c’è una vera strategia di marketing alle spalle. Le attività che svolgono sono così, a sé stanti, senza un filo logico, senza un chiaro collegamento che sia orientato a raggiungere l’obiettivo.

In questo modo, non ottengono nessun risultato.

Non usano strategie di marketing, non hanno un sistema di marketing che permette loro di trovare regolarmente nuovi clienti ed aumentare il fatturato.

Se sei anche tu in questa situazione, e vuoi scoprire di più su come utilizzare il marketing per far crescere il tuo business, scarica l’ebook omaggio “Marketing per Liberi Professionisti” 

 

2 thoughts on “Strategie di marketing sbagliate: ecco il problema di tanti Liberi Professionisti

  1. Fare marketing oggi è difficile perche i soldi non girano i clienti di Marco che cambiano commercialista sono pochi rispetto a quelli che chiudono, anche laura ha lo stesso problema perche è l’economia FERMA.

    1. Grazie per il commento. Hai ragione, ma secondo me è proprio perché c’è crisi ed i soldi non girano che dobbiamo impegnarci di più nel marketing – migliorare la nostra strategia, impostare attività per farci conoscere da più potenziali clienti, e così via.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *